Bionova Coperture

ecobonus 110 edilizia

Ecobonus 110%: approfitta del Decreto Rilancio per rifare il tuo tetto

Ecobonus 110%: cos'è

Ultimamente si sente spesso parlare di aiuti, fondi, ecc. ma quali sono i reali programmi del Governo sulla casa, la protagonista per eccellenza di questo lockdown?

Proprio in questi giorni è stato approvato il nuovo Ecobonus 110% dal Consiglio dei Ministri, facente parte del Decreto Rilancio.

Gli interventi di ristrutturazione coperti dall’Ecobonus al 110% riguardano principalmente l’efficientamento energetico di condomigni e prime case, come l’installazione di pannelli fotovoltaici o il rifacimento delle vecchie coperture, da effettuare in un periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

Cosa significa in termini pratici?

Essendo un credito d’imposta pari al 110% del valore della spesa sostenuta, significa che accedendo a questo bonus si avrà diritto ad una detrazione delle imposte statali pari al valore dell’incentivo, spalmate in 5 rate annuali dello stesso importo. Un vantaggio, senza dubbio di notevole importanza, risiede nella possibilità di cedere questo credito direttamente all’azienda che esegue i lavori, fungendo da sconto totale sul prezzo finale.

Ma non è tutto, tale credito si potrà utilizzare in fase di dichiarazione dei redditi, ottenendo nell’arco di 5 anni una detrazione superiore alla somma spesa.

 

Perchè devi approfittarne subito?

Nei vari ecobonus che si sono susseguiti dal 1998 ad oggi, non si era mai vista una percentuale del 110%, motivo per il quale nell’arco di 10 anni diventa fonte di guadagno, in quanto viene restituita una cifra superiore del 10% di quella spesa.

Un’altra novità introdotta risiede nel fatto che il credito d’imposta maturato potrà essere ceduto a società di credito come banche e finanziarie, un importantissimo aiuto per tutte quelle famiglie che non possiedono la somma liquida per effettuare i lavori.

Infine, lo stesso credito d’imposta si potrà addirittura cedere all’impresa che effettua i lavori come Bionova, comportando così il rifacimento “gratuito” della vecchia copertura. È senza dubbio un incentivo senza eguali prima d’ora, da sfruttare al meglio. Ecco perchè da noi troverai tecnici e professionisti altamente qualificati che sapranno guidarti lungo tutte le pratiche.

Quali lavori rientrano nell'Ecobonus 110%

Vediamo ora quali sono le opere per accedere alla detrazione fiscale:

  • Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano almeno il 25% della superficie disperdente che avvolge l’involucro dell’edificio. Inoltre è previsto che tutti i materiali isolanti utilizzati rispettino i criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici di cui si parla nel Decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017. Il tetto massimo delle spese non dovrà superare i 60.000 € moltiplicato per il numero di unità immobiliari di cui è composto l’edificio.
  • Interventi sulle parti di climatizzazione invernale esistenti in comune negli edifici, con impianto centralizzato atto alla fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, il riscaldamento e il raffreddamento. Il tetto massimo delle spese non dovrà superare i 30.000 € moltiplicato per il numero di unità immobiliari di cui è composto l’edificio.
  • Interventi sugli edifici unifamigliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti atti alla fornitura di riscaldamento, raffrescamento e fornitura di acqua calda sanitaria tramite pompa di calore. Il tetto massimo delle spese non dovrà superare i 30.000 € compreso di spese di smaltimento del vecchio impianto.

Nell’Ecobonus 110% rientrano inoltre tutte quelle spese di efficientamento energetico previste nell’articolo 14 del Decreto Legge n. 63/2013, a condizione che si effettuino uno degli interventi sopra citati e sempre rimanendo nei limiti di spesa previsti.

Decreto Rilancio ed Ecobonus 110%: le condizioni di accesso

Per accedere all’Ecobonus 110% bisognerà però soddisfare alcuni requisiti descritti nel comma 3-ter dell’articolo 14 del D.L. n. 63/2013, che dovranno essere adottati entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto.

In ogni caso, ove non comportino il raggiungimento della classe energetica più alta, bisogna che comunque ne migliorino di due classi l’efficienza, da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (APE), rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata.

Ecobonus 110% e rifacimento tetti

Hai bisogno di rifare la tua copertura e vuoi sfruttare l’Ecobonus 110%? Contattaci per una consulenza gratuita, i nostri tecnici saranno lieti di aiutarti in ogni tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *